Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2008

Spettacolo teatrale di fine anno: LA FESTA DI PIEDIGROTTA

Anche quest'anno l'I.C. N. Romeo ha organizzato uno spettacolo di fine anno, che ha impegnato molte forze della nostra scuola tra alunni ed insegnanti. Sono stati, infatti, allestiti durante il corso dell'anno scolastico laboratori di drammatizzazione e recitazione, di scenografia, di ballo per giungere a realizzare lo spettacolo scritto dal commediografo Raffaele Viviani. Di cosa parla Viviani nelle sue opere? Egli "mette in scena la plebe, i mendicanti, i venditori ambulanti: un'umanità disperata e disordinata che vive la sua eterna guerra per soddisfare i bisogni primari. In questo la sua poetica si allontana violentemente dalla retorica lacrime vole, pittoresca e piccolo borghese del tempo, prendendo le distanze al contempo dalla cultura positivista e ponendosi per molti versi all'interno di dinamiche creative proprie delle avanguardie. Il suo fu un teatro diverso, anomalo e sconvolgente, ma durante il fascismo subirà, con la negazione dell'uso dei di

Dal prof. Elia Imparato intervista semi-seria all'ing. Nicola Romeo

Ieri sera, nel mio box, mentre armeggiavo quasi al buio nel bagagliaio della mia Spider Junior, vedo all’improvviso un’ombra profilarsi davanti alla macchina, nella penombra del cortile buio. La sagoma, un po’ contro luce è inconfondibile quanto improbabile; è un omino con un cappellone a “coppola” con uno spolverino nero che si appoggia ad un sottile bastone. Sembra proprio… no, è impossibile… Mi avvicino e vedo meglio il suo viso sul quale spicca un bel paio di baffoni neri; ma è lui, si non ci si può sbagliare. “Ingegnere, ma è come è possibile?” faccio io sconvolto. (clicca su read more per leggere tutta l'intervista, poi su summary per ritornare alla pagina iniziale) “Si meraviglia? Non vedo perché; mi evoca continuamente ogni giorno, ha la mia foto sulla scrivania, quasi fosse un mio parente, è venuto ultimamente nel mio tempio, guida le vetture col mio marchio ed in questo momento è proprio con una di queste, ha scritto anche della mia storia; doveva aspettarsi una mia vi

Progetto Leonardo: raccolta differenziata di cartucce esauste

Cari colleghi, alunni e genitori, la nostra scuola partecipa al progretto a premi gratuito: Leonardo e vinci. In cosa consiste? Occorre semplicemente raccogliere le cartucce ink-jet usate e consegnarle, con la custodia della cartuccia nuova acquistata, alla professoressa di Tecnologia Anna Migliaccio, che le le depositerà nell'eco-box presente nell'archivio della scuola. Più cartucce raccoglieremo e più premi potremo ottenere per il nostro laboratorio d'informatica. PARTECIPATE TUTTI ALLA RACCOLTA, il progetto terminerà con l'anno scolastico, ma riprenderà a settembre. CONSERVATE LE CARTUCCE ANCHE DURANTE L'ESTATE! Saluti, prof.ssa Anna Migliaccio VIETATO BUTTARE CARTUCCE USATE:                                            RICICLIAMOLE!

invito alla lettura

Cari ragazzi e ragazze, la scuola sta terminando e porterete in vacanza con voi molti bei ricordi di quest'anno. Volevo invitarvi a scrivere per il blog dei brevi testi su ciò che avete letto quest'anno a scuola (poesie, novelle, romanzi, racconti) e che vi è piaciuto e consigliereste ad altri di leggere. Non dimenticate di citare l'autore, il titolo e dire le vostre motivazioni per invitare alla lettura, magari sotto l'ombrellone, altri compagni. A presto la vostra prof. virtuale, ma non troppo. SCRIVETE A: romeo.casavatore@gmail.com N.B. PUBBLICHEREMO SOLO TESTI SENZA ERRORI E FIRMATI (vi consiglio di scrivere prima il testo su Word ed inserire il controllo ortografia per eliminare ogni dubbio, vi piace come trucco?). P.S. Rispondo a chi mi ha chiesto perché abbia scelto il nero come fondo del blog: non vi sembra un po' una lavagna su cui scrivere coi gessetti colorati?

ULTIME SULLA GITA IN PUGLIA

Bari - Basilica di San Nicola A volte capita anche questo! Una visita studio programmata, per ore, giorni, e settimane, nei minimi dettagli perché risultasse piacevole e al tempo stesso istruttiva; un'occasione attesa da voi ragazzi per un anno intero, per stare insieme e apprendere in un modo diverso; senza l'ansia dei compiti, delle interrogazioni, dei voti; i preparativi frenetici per la partenza e poi....improvvisa e inattesa la disdetta da parte dell'Agenzia incaricata di organizzare il viaggio. Non dovrebbe, ma a volte, può capitare, soprattutto quando le cose non dipendono solo da noi. La delusione è forte e la reazione naturale può essere quella di imprecare contro tutto e tutti, compiangersi per la cattiva sorte, rinunciare. Vi è però un altro modo di reagire, più giusto, quando vogliamo ottenere qualcosa a cui veramente teniamo. E il modo giusto è quello di rimboccarsi le maniche, riorganizzarsi per raggiungere gli obiettivi prefissati senza scoraggiarsi, ma impeg

detto da voi

Cari lettori, se volete pubblicare un testo, sulla vita scolastica o riguardante una vostra attività scolastica, potete farlo inviandolo all'indirizzo di posta elettronica romeo.casavatore@gmail.com e sarà fatto. Attenzione però agli strafalcioni! A presto. NON PUBBLICHEREMO I COMMENTI SENZA NOME E CON ERRORI ORTOGRAFICI. ATTENZIONE A COME E COSA SCRIVETE QUINDI! N.B.  Nessun testo sarà censurato, rifiutato, ogni critica, anche negativa, è sempre costruttiva, ma occorre avere il coraggio di FIRMARE ciò che si dice. D''accordo? Ecco un vostro contributo: LA VISITA ALL'ORTO BOTANICO DI NAPOLI All’ orto . . . Abbiamo imparato tante cose all’ orto. All’inizio arrivati la ragazza come introduzione ci disse che l’ orto botanico è grande quasi 20 ettari cioè 10 campi da pallone messi insieme. Inoltre ci disse che fu fondato nel 1807 ai piedi della collina di Capodimonte, che oggi è anche una struttura universitaria ed è sicuramente l’orto botanico più importa

Lezione di inciviltà: PULLMAN fantasma

Aria di festa, notte insonne per l'eccitazione in vista della gita scolastica dell'indomani. L'ora della partenza, per gli alunni dell'I.C. Romeo, si avvicinava.  Ragazzi, accompagnati dai genitori, arrivati puntualissimi come non mai. Insegnanti, finalmente senza libri e registri, ma con valige e borsoni, anche loro pronti per questo bellissimo tour della Puglia. C'erano tutti, tranne...il solito ritardatario, penserete..... macché, a mancare non era alcun alunno, ma....il PULLMAN! Incredibile, davanti a tanto stupore, i ragazzi hanno mostrato una grande maturità. Questo giorno, che ricorderanno, forse, con rabbia e delusione, li ha fatti confrontare con un atto d'inciviltà e di irresponsabilità del mondo degli adulti. La ditta dei trasporti, vincitrice di regolare e pubblico appalto, non ha fatto arrivare il pullman prenotato e pagato dalla scuola per la gita prevista. Tutto ciò, senza alcun preavviso fatto in tempo utile per informare gli interessati.... L