Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2008

I settembre: gli insegnanti tornano a scuola

A parte l'ironia del titolo, oggi noi insegnanti riprendiamo il nostro lavoro a scuola, a fare cosa? Riunioni programmatiche, collegio docenti ed organizzazione didattica del nuovo anno. Mentre voi ragazzi potete godere di altre due settimane di vacanza, la scuola a Napoli apre il 15 settembre, per fare un po' di ripetizione delle materie studiate ed arrivare a scuola col cervello fresco sì, ma non svuotato dall'ozio estivo. Ricordatevi, infatti, che i primi giorni di scuola sono dedicati a delle prove sulle varie materie, che servono a capire cosa avete appreso e non è andato perduto. Sarebbe un peccato non presentarvi bene? Non è così? Allora buon lavoro anche a voi! Invito tutti, specialmente i genitori, a leggere questo simpatico articolo di Giovanna Zucconi "Non basta dare i numeri" (per leggerlo clicca su read more...) Non basta dare i numeri GIOVANNA ZUCCONI A scuola in grembiule, o con i jeans e la felpa, in uniforme, in bikini, vestiti da puffi o da palom

La "mission" della scuola italiana: dibattito di fine agosto

Cari alunni, genitori e colleghi, sfogliando i giornali quest'estate, credo che come me, avrete notato che in pieno agosto, forse per riempire le pagine dei nostri quotidiani, che oltre olimpiadi, questione georgiana e carenza di gossip per via della nostra depressione economica e non solo, sono stati pubblicati diversi articoli sulle sanzioni che Renato Brunetta, ministro dell'Innovazione e della Funzione Pubblica, ha voluto far applicare per risolvere il problema degli impiegati fannulloni, in particolare, per il momento, quelli delle FF.SS. ed alcuni articoli sul futuro della scuola italiana (a parte le notizie texane sugli insegnanti armati). Da parte mia, accolgo sempre come buon segno per il nostro paese parlare di scuola e sul Corriere della Sera ho letto la provocazione, il "grido di dolore" del politologo Ernesto Galli della Loggia per la situazione della scuola italiana, a cui hanno risposto il neo-ministro della pubblica istruzione Mariastella Gelmini ed i