Passa ai contenuti principali

I settembre: gli insegnanti tornano a scuola

A parte l'ironia del titolo, oggi noi insegnanti riprendiamo il nostro lavoro a scuola, a fare cosa? Riunioni programmatiche, collegio docenti ed organizzazione didattica del nuovo anno. Mentre voi ragazzi potete godere di altre due settimane di vacanza, la scuola a Napoli apre il 15 settembre, per fare un po' di ripetizione delle materie studiate ed arrivare a scuola col cervello fresco sì, ma non svuotato dall'ozio estivo. Ricordatevi, infatti, che i primi giorni di scuola sono dedicati a delle prove sulle varie materie, che servono a capire cosa avete appreso e non è andato perduto. Sarebbe un peccato non presentarvi bene? Non è così? Allora buon lavoro anche a voi!
Invito tutti, specialmente i genitori, a leggere questo simpatico articolo di Giovanna Zucconi "Non basta dare i numeri" (per leggerlo clicca su read more...)

Non basta dare i numeri GIOVANNA ZUCCONI

A scuola in grembiule, o con i jeans e la felpa, in uniforme, in bikini, vestiti da puffi o da palombari. Con il fiocco e con le trecce, oppure rapati a zero, in blazer e cravattino. In ordine sparso o allineati, in fila per tre col resto di due.

Con una, due, tre, quattro maestre. Per settimane scolastiche di quattro, cinque, sei, sette giorni. Cantando l’inno nazionale sull’attenti, o invece un rap di Fabri Fibra. E alla fine del quadrimestre, o del trimestre, o del pentamestre, portando a casa una pagella con i voti da uno a dieci, o con i giudizi, o anche con dei disegnini esplicativi. A noi va bene tutto. Davvero. Solo, una domanda: ma che scuola è, questa di cui stiamo (stanno) discutendo? Ci si va a imparare, e che cosa, e come?

Il «dacci oggi il nostro annuncio quotidiano» da parte del ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, sta diventando un’abitudine alla quale non sapremmo più rinunciare. Il grembiule sì o no, la maestra unica sì o no, i voti numerici sì o no, il cinque in condotta sì o no, perfino i professori meridionali sì o no: sono tutte questioni interessantissime, sono dibattiti appassionanti, dubbi cruciali. Sui quali però decidiamo di sospendere ogni opinione. A noi va bene tutto, ripetiamo. E non perché ci sfugga quanto la forma sia sempre sostanza, e che quindi dietro l’ordine nell’abbigliamento degli studenti ci sia un’idea di Ordine, o un’idea di Disciplina nella stretta sulla condotta. Però, ecco, viene il dubbio che i ripetuti proclami di un ritorno al passato dei grembiuli e della Signora Maestra, siano altrettanti bocconcini dati in pasto a una società disorientata, spaventata, e quindi incline alla retromarcia: alla restaurazione. Il dubbio che il ritorno al passato sia una chimera consolatoria, o al meglio un wishful thinking (non traduciamo perché, dopo i conclamati successi della morattiana scuola delle tre I, tutti certamente capiscono l’inglese).

La scuola degli insegnanti cialtroni (ce ne sono), degli studenti indisciplinati e maleducati (ce ne sono), dei genitori che intervengono a giustificare ogni manchevolezza dei loro bambini (ce ne sono, e quanti), questa scuola - che è una parte della scuola di oggi, non tutta fortunatamente - è insopportabile. Ma altrettanto insopportabile era quella dei professori autoritari ma non autorevoli, degli studenti sottomessi, dei genitori assenti, che era una parte, neanche trascurabile, della scuola di ieri.

Vorremmo, nella scuola e non soltanto nella scuola, un ritorno al futuro: non a un passato che non c’è più né potrebbe più riproporsi. Vorremmo edifici scolastici a norma, mentre a centinaia sono addirittura illegali. Vorremmo sapere quali mezzi, quante risorse sono destinati all’istruzione, ora che abbiamo appreso che il 97 per cento del bilancio ministeriale va in stipendi agli insegnanti e al resto del personale: e qualche briciola appena all’innovazione, agli investimenti, appunto al futuro. Vorremmo soprattutto sapere che cosa si andrà a insegnare e a imparare, quali materie, per formare a quali professioni, con quale sguardo alla competizione internazionale. Ogni genitore attuale conosce il rituale dell’open day: ciascun liceo cittadino presenta alla clientela la propria offerta di corsi complementari mirabolanti, di laboratori alternativi, di attività strepitose, omettendo giocoforza di fornire l’unica informazione che conta, ovvero se gli insegnanti sanno e sanno trasmettere passione. Il dibattito su voti e grembiuli e altri dettagli rischia di diventare un rituale analogo, propagandistico.

Purché chi è in cattedra sia sapiente e sensibile e motivato, purché ciò che trasmette sia vitale, purché gli esclusi siano accolti, a noi francamente poco importa se scriverà in pagella «8» o «ottimo», e se avrà dinanzi grembiuli o minigonne. Facciamo pure la manicure al corpaccione malato della scuola pubblica, ma non soltanto quella, please.
29/08/2008 La Stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

sperimentiamo i blog

Cari Dirigente Scolastico, colleghi, alunni e genitori, come sapete nell'era della cultura di massa anche i mezzi di comunicazione sono cambiati, la tecnologia ha modificato le nostre abitudini e tali strumenti nella nostra scuola sono entrati già da tempo. Oltre alla sala informatica, abbiamo, infatti, ben due postazioni mobili multimediali a disposizione, una per piano. Alcuni docenti, ma diciamocelo apertamente, i nostri alunni più di noi, sono diventati abili navigatori e sanno utilizzare bene quello che il computer ed internet ci offrono. Allora mi è venuta l'idea di creare un blog. Sì un blog per la nostra scuola! Perché? Per avere un luogo virtuale, ma anche uno spazio simbolico ove scambiare le nostre esperienze e magari far venir voglia ai nostri alunni di scrivere, di consultare strumenti e materiali scelti e filtrati da noi. Che ne pensate? Vi piace l'idea? Allora siete tutti invitati a scrivere le vostre idee e commenti, come pure, proprio come si fa in un diari

detto da voi

Cari lettori, se volete pubblicare un testo, sulla vita scolastica o riguardante una vostra attività scolastica, potete farlo inviandolo all'indirizzo di posta elettronica romeo.casavatore@gmail.com e sarà fatto. Attenzione però agli strafalcioni! A presto. NON PUBBLICHEREMO I COMMENTI SENZA NOME E CON ERRORI ORTOGRAFICI. ATTENZIONE A COME E COSA SCRIVETE QUINDI! N.B.  Nessun testo sarà censurato, rifiutato, ogni critica, anche negativa, è sempre costruttiva, ma occorre avere il coraggio di FIRMARE ciò che si dice. D''accordo? Ecco un vostro contributo: LA VISITA ALL'ORTO BOTANICO DI NAPOLI All’ orto . . . Abbiamo imparato tante cose all’ orto. All’inizio arrivati la ragazza come introduzione ci disse che l’ orto botanico è grande quasi 20 ettari cioè 10 campi da pallone messi insieme. Inoltre ci disse che fu fondato nel 1807 ai piedi della collina di Capodimonte, che oggi è anche una struttura universitaria ed è sicuramente l’orto botanico più importa

Esami di stato del I ciclo d'istruzione

Cari alunni, capisco che l'ansia e la preoccupazione giochi brutti scherzi, allora per non dimenticare vi ricordo che gli esami iniziano il giorno mercoledì 11 giugno con la prova d'italiano, il 12 prova d'inglese e francese, il 13 prove di matematica, (lunedì 16 RIPOSO) martedì 17 prove INVALSI (Istituto Nazionale Valutazione Scuola Italiana, quelle che avete fatto in classe per prepararvi e che riguardano la grammatica italiana, la comprensione di un testo e poi di matematica). Dopodiché, dal giorno 18  inizieranno gli esami orali. FATE ATTENZIONE A VEDERE L'ORARIO ED IL GIORNO IN CUI DOVETE VENIRE PER SOSTENERE LA PROVA ORALE! Buono studio ed in bocca al lupo! STUDIATE! é importante iscriversi alle scuole superiori avendo conseguito un buon voto finale. N.B. Il giorno 16 saranno resi pubblici i quadri con i nomi dei promossi e non ammessi delle classi PRIMA e SECONDA e dal giorno 18 si potranno vedere e firmare le pagelle.