Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

27 gennaio: giorno della memoria

Il 27 gennaio si celebra La Giornata della Memoria. E’ una giornata speciale, una giornata dedicata al ricordo della Shoah , lo sterminio del popolo ebraico. Una giornata per ricordare che tanti anni fa, durante la seconda guerra mondiale, milioni di uomini, donne e bambini sono stati perseguitati con le leggi razziali e poi strappati alla loro vita e portati nei lager da dove, solo in pochi sono tornati. E’ un pezzo agghiacciante della nostra storia ed è importante non dimenticarla. Perché ricordare una storia tanto triste? Col passare degli anni le persone che hanno vissuto quella terribile esperienza non potranno più raccontarla e noi potremmo dimenticarla. Invece, la memoria delle terribili storie, ci deve aiutare a costruire un futuro migliore. Un futuro in cui quelle atrocità non si ripetano mai più! Clicca il link qui sotto per saperne di più http://www.rai.tv/dl/RaiTV/tematiche/speciali/ContentSet-6383b235-d581-4b5e-98e7-d58668e77c0d.html#item=ContentItem-59a0872b-b07

Un video sul problema dei rifiuti tossici e ambiente

Con piacere diffondiamo il VIDEO LA TERRA DEI FUOCHI A SCUOLA realizzato dall'I.C. "Cilea Mameli" di Caivano

Quali sono i capoluoghi di regione?

Una volta alle elementari tutti i ragazzi conoscevano a memoria i capoluoghi di regione e di provincia. Ora i nostri ragazzi sembrano non avere più queste conoscenze, anche se ne hanno altre. Chi sa in quale regione si trova Verbania e dov'è Ogliastra? Se non lo sai, cercale su questo collegamento , imparale e non dimenticarle!

La lettera di uno scrittore al nipote: l'importanza d'imparare a memoria

Caro nipotino mio , non vorrei che questa lettera natalizia suonasse troppo deamicisiana, ed esibisse consigli circa l’amore per i nostri simili, per la patria, per il mondo, e cose del genere. Non vi daresti ascolto e, al momento di metterla in pratica (tu adulto e io trapassato) il sistema di valori sarà così cambiato che probabilmente le mie raccomandazioni risulterebbero datate. Quindi vorrei soffermarmi su una sola raccomandazione, che sarai in grado di mettere in pratica anche ora, mentre navighi sul tuo iPad, né commetterò l’errore di sconsigliartelo, non tanto perché sembrerei un nonno barbogio ma perché lo faccio anch’io. Al massimo posso raccomandarti, se per caso capiti sulle centinaia di siti porno che mostrano il rapporto tra due esseri umani, o tra un essere umano e un animale, in mille modi, cerca di non credere che il sesso sia quello, tra l’altro abbastanza monotono, perché si tratta di una messa in scena per costringerti a non uscire di casa e guardare le